Pignoramento Immobiliare - Trovare soluzioni efficaci e veloci

Pignoramento Immobiliare – Esistono Diverse Soluzioni [Parte 1]

 

Come Risolvere il Problema del Pignoramento dell’Immobile

 

 

Quando una famiglia con gravi problemi finanziari si vede pignorare la propria casa, inizia a vivere un momento di crisi, che non si può minimamente paragonare a quello che già stava attraversando a causa dei debiti.

 

 

Pignoramento Immobiliare - Trovare soluzioni efficaci e veloci

 

 

 

I problemi li aveva anche prima, senza dubbio, ma la casa è il nostro nido e il pignoramento fa mancare tutte quelle sicurezze che dovrebbero esserci invece garantite. Quello che, però, la maggior parte delle persone non sa è che un pignoramento non equivale alla nostra fine: una soluzione c’è sempre a tutto. Non dico che sia facile, ma ci sono delle strade per uscirne limitando i danni.

 

Si dice che solo alla morte non ci sia rimedio, anzi nel caso del pignoramento le soluzioni possibili sono diverse. Si tratta solo di conoscerle e avere il coraggio di affrontare questo momento difficile come una qualsiasi situazione da risolvere.

 

Attenzione! Non sto dicendo che si tratta di un gioco da ragazzi, né mi permetterei mai di giudicare tutto questo con leggerezza. Come sempre voglio essere molto sincero con te su tutto, quindi sappi innanzitutto che io non ci sono passato. Fortunatamente ho messo a posto le cose molto prima.

 

Forse questo post verrà letto da persone con debiti finanziari, ma non è detto che tutti sanno arrivati alla fase del pignoramento.

 

Pertanto adesso, prima di tutto, vorrei dirti che, se temi di subire un pignoramento, puoi gestire i tuoi debiti ad uno ad uno senza dover aggravare la situazione. Come forse già sai ho già scritto alcuni articoli su come sistemare i debiti e continuerò a pubblicarne anche altri un po’ alla volta, mano a mano che li scriverò. Se vuoi un quadro completo di come gestire tutti i debiti, puoi seguirmi qui sul sito o sulla pagina Facebook, oppure acquistare la mia guida “Sistemare i Debiti Senza Soldi”.

 

Sono tutte strade possibili per chiudere i debiti; magari ce ne sono anche altre ma queste sono quelle che conosco io.

 

Oggi, però, voglio rivolgermi in particolare a chi è già coinvolto in un pignoramento, soprattutto se si tratta della casa dove abita.

 

Se tu hai una procedura esecutiva in corso oppure è già stata fissata anche la data dell’asta, questo non significa che dovrai necessariamente perdere la tua casa e finire in mezzo a una strada.

 

E’ vero, io non ho provato direttamente ciò che stai provando tu, ma ho aiutato diversi clienti della mia agenzia immobiliare ad affrontare situazioni difficili. Ti parlo di persone con gravi difficoltà economiche; nello specifico voglio raccontarti un aneddoto che cito anche nella mia guida (Scarica il primo modulo gratis) e che a me è stato molto utile per affrontare, poi, i miei problemi finanziari.

 

Intanto, devi sapere che io ai tempi non avevo nessuna conoscenza relativa ai debiti, se non quella strettamente legata alla mia professione. Di solito, il problema più grosso con cui dovevo scontrarmi era quello di non riuscire a far ottenere il mutuo a chi era segnalato come “cattivo pagatore”.

 

Poi, però, negli anni ho gestito anche molte compravendite immobiliari di immobili pignorati e tra queste quella del cliente di cui ti ho accennato poco fa. In breve, questa persona aveva diverse spese e fatture insolute in arretrato, ma la cosa più evidente era che non aveva mai pagato nemmeno una singola rata del mutuo acceso per acquistare casa.

 

 

Non ha mai pagato neanche una rata del mutuo… e cosa gli è successo?

 

 

Beh, per iniziare voglio sottolineare che non è stata la banca ad avviare la procedura esecutiva nei confronti del mio cliente. Tutt’altro, è stata lì buona ad aspettare di potersi aggiungere in una pratica aperta da altri creditori. La banca è molto furba perché ti aggredisce al momento giusto! Loro sanno che, se non paghi il mutuo, probabilmente hai anche altri debiti. Il concetto è che, dato che non paghi nemmeno il mutuo della casa in cui vivi, probabilmente sei davvero nei guai. Diciamo che lo considerano scontato.

 

Così, in quel caso, una volta iniziata la procedura esecutiva, la banca si è inserita nel pignoramento per assicurarsi la sua parte, che tra l’altro è la più sicura, essendo garantita da un’ipoteca di primo grado sulla casa pignorata. Pertanto la banca non ha nessuna fretta di agire o di spendere denaro per pignorare il tuo immobile, anche se non stai pagando il mutuo; mentre preferisce aspettare che lo faccia qualcun altro e, in seguito, verrà solo a “ritirare” la sua parte al momento più opportuno.

 

Qual è la lezione da imparare?

 

La cosa importante da sapere è che la banca ha interesse a riprendersi i soldi del mutuo erogato, ma non va affatto di corsa anche perché nel frattempo aumentano gli interessi di mora e le tue spese da rimborsarle. E questo va tutto a suo vantaggio.

 

Inoltre, pensa che il mio cliente ha potuto vivere nella casa “acquistata” nel 2001 sino al 2006 totalmente gratis, non avendo mai pagato una sola rata del mutuo. Considera anche che non ha mai pagato nemmeno le spese condominiali, quindi in quei 5 anni non ha speso nemmeno un Euro per abitare lì.

 

Forse a questo punto penserai che i conti prima o poi si pagano, ma non è del tutto vero 😉 – quantomeno non è sempre  vero.

 

Nel caso del mio cliente, nonostante il pignoramento possa apparire come una situazione drammatica, a lui è andata di lusso e, anche se la tua storia è differente, puoi comunque trarre qualche vantaggio dal mio racconto.

 

 

Continua a leggere perché questa la devi proprio sentire.

 

 

In pratica, quando l’ho conosciuto io non avevo idea della sua situazione, forse perché lui si era vergognato di raccontarmela e ho scoperto tutto quando mi ha incaricato di vendere la casa (ero un consulente immobiliare all’epoca dei fatti). In pratica, dopo aver fatto, come sempre, la visure sull’immobile da vendere tramite il mio notaio di fiducia, sono venuti alla luce tutti i problemi. A quel punto, gli ho spiegato che avremmo risolto tutto insieme, facendo in modo di evitare che la casa venisse venduta all’asta.

 

Il problema più grosso era che l’asta era fissata da lì a 15 giorni, quindi i tempi erano molto stretti. Tuttavia, fortunatamente conoscevo una persona che aveva fretta di trovare una casa da comprare e al tempo stesso aveva tutto
il capitale necessario per l’acquisto già pronto in banca. Praticamente abbiamo avuto la fortuna di trovare un acquirente pronto per comprare, con i soldi in tasca e che si fidava di me (di solito non è facile convincere un cliente a comprare una casa pignorata, se non conosce il funzionamento di queste compravendite).

 

In questo modo il mio cliente, pur non avendo mai speso nulla per la sua casa, ha venduto ad un acquirente prima dell’asta incassando un extra di 50.000 Euro e saldando con la restante parte tutti i creditori.

 

 

Come vedi c’è un modo di risolvere il pignoramento evitando l’asta.

 

 

Salvare un immobile andato all'asta

 

 

Devi considerare che molto probabilmente (anche se non sempre è così) i creditori, che ti hanno pignorato la casa, hanno un credito nei tuoi confronti inferiore al valore dell’immobile. Forse tu ci hai già pensato, ma preferisco specificare questo aspetto perché molte persone, che ho incontrato per via del mio lavoro, purtroppo non conoscono queste informazioni ed hanno perso la casa all’asta per debiti davvero irrisori.

 

Ha conosciuto addirittura un anziano signore che, per la vergogna di farsi aiutare, ha mandato la casa all’asta con un solo debito di partenza nei confronti del condominio di circa €€ 2.000.

 

A questo punto ci tengo a farti riflettere su due cose:

 

 

1. Parlare con altri può solo aiutarti

 

2. La tua casa forse vale più della somma totale dei tuoi debiti

 

 

L’importante è parlarne alle persone giuste e non rivolgerti a chi ti farà sentire sbagliato o giudicato, altrimenti sarà controproducente per la tua vittoria contro i debiti. Io ho avuto questo problema con alcune persone con cui ho parlato dei miei problemi, quindi so come ci si sente ed ho peggiorato il mio stato emotivo. Inoltre, mi sono chiuso in me stesso e da quel momento non ho più raccontato a nessuno i miei problemi: questo è stato uno degli errori più grandi perché in questo modo potevo, e puoi trovare anche tu, tante altre persone che ti ascolteranno senza giudicarti. Ad esempio, puoi contattare me ed Elena. Noi non ti faremo mai sentire sbagliato e potrai dirci tutto quello che credi, sapendo di garantire anche la tua riservatezza.

 

Sono sicuro che con questo sito creeremo un gruppo di persone pronte ad aiutarsi, senza puntare il dito contro nessuno. Se ci stai anche tu ad unirti a noi, segui la nostra pagina Facebook cliccando “Mi Piace” così riceverai i nostri aggiornamenti in tempo reale.

 

Torno al racconto… ci tengo che tu rifletta 😉

 

Il mio cliente inizialmente non mi conosceva e non mi ha detto nulla riguardo ai suoi problemi, ma poi si è aperto ed è stata la sua salvezza. Capisci perché ti consiglio di parlarne con fiducia, se trovi la persona adatta per farlo? Non è detto che sia una persona della tua famiglia, magari potrebbe anche essere un agente immobiliare o un vicino di casa.

 

 

In caso di pignoramento l’importante è farsi aiutare.

 

 

Inoltre, come ti ho detto, forse puoi vendere la tua casa prima che vada all’asta o che qualcuno la compri proprio in tribunale. Capisco che possa essere una situazione dura da accettare, quella di doversi disfare del bene che tanto ami e dove ti trovi a tuo agio. Tieni, però, in considerazione che all’asta probabilmente perderai tutto, mentre vendendo
l’immobile ad un tuo cliente, molto probabilmente ti rimarrà anche una piccola somma da tenere da parte. Magari si tratterà solo di qualche migliaio di Euro ma almeno potrai, ad esempio, dare l’anticipo per una casa in affitto… cosa che non succederà se la casa verrà venduta all’asta.

 

Considera anche che, se sistemerai tu i problemi con i debiti, potrai anche in futuro richiedere nuovamente un prestito o un mutuo.

 

Esatto!

 

 

Hai capito bene: un domani potrai richiedere un altro mutuo.

 

 

Infatti, dopo aver pagato i tuoi creditori, potrai un po’ alla volta far cancellare i tuoi dati dagli elenchi dei cattivi pagatori e in futuro potrai, quindi, anche ricomprare una nuova casa se lo desidererai. Lo so, è difficile accettare il mio discorso, ovvero dover vendere o anche svendere la casa per cui hai fatto dei sacrifici, ma è una soluzione meno dolorosa rispetto alla vendita all’asta con successivo sfratto da parte di un ufficiale giudiziario.

 

Mi spiego? Tu cosa preferisci?

 

Purtroppo a volte capita di decidere per principio di non svendere la casa, senza pensare che non stiamo facendo una gara per dimostrare a noi stessi quanto siamo coraggiosi. Avere coraggio non significa decidere di schiantarsi contro un muro, mentre vuol dire affrontare di petto la realtà anche quando è difficile da accettare.

 

Adesso che ti ho detto tutto ciò che penso, posso anche spiegarti cosa mi ha spinto a scrivere questo articolo. Innanzitutto voglio aiutarti a guardare il tuo problema da una nuova angolazione e allo stesso tempo ho sentito di doverlo fare per dare una risposta alle email inviate da alcuni amici di questo sito.

 

Sì, lo dedico innanzitutto a loro e a tutti quanti credano di non avere più speranze dopo aver subito il pignoramento della casa.

 

Ringrazio anche quel cliente di cui ti ho parlato, grazie al quale ho scoperto che si può sempre rialzarsi, anche quando tutto sembra perduto. Lui era nei guai, ma aveva sempre il sorriso sulle labbra (so che oggi ha raggiunto una buona posizione dal punto di vista lavorativo e mi fa davvero piacere sapere che ce l’ha fatta).

 

 

Le speranze ci sono sempre… anche se la casa va all’asta.

 

 

A questo punto, come al solito, ti chiedo di aiutarmi a far conoscere ciò che scrivo ai tuoi amici e conoscenti perché solo con la conoscenza potremo difenderci dalle banche e dalle finanziarie.

 

Grazie 😉

 

(In base a quanti saranno i “Mi Piace” su questo post valuterò se l’argomento interessa e magari scriverò un report dettagliato su come vendere una casa pignorata. Magari, se questo report ti interessa, puoi scriverlo proprio nei commenti qui sotto, richiedermi cosa vorresti sapere e così potrò realizzare qualcosa di più specifico per le esigenze dei lettori del sito).

 

In più negli anni ho raccolto anche molti contatti di persone fidate che ritirano immobili per evitare l’asta, soprattutto nella provincia di Milano, ma anche nel resto d’Italia. Se hai bisogno e vuoi contattarmi, potrò segnalarteli.

 

Leggi anche la seconda parte di questo post, che pubblicherò prestissimo.

 

Che cosa pensi di ciò che hai appena letto?

Finora --- Lascia il tuo commento